La “Targa alla Professionalità” del Rotary Club di Crotone quest’anno sarà conferita a Carmela Sanguedolce, Amministratore Unico della clinica “Romolo Hospital, centro di eccellenza nelle cure urologiche e nodo della Rete oncologica regionale della Calabria.

Il premio - arrivato alla sua 30° edizione - sarà consegnato giovedì prossimo, 21 febbraio, alle 17.30, nella sala consiliare del Comune di Crotone.

UNA STRUTTURA D’ECCELLENZA

Sanguedolce - come dicevamo - è l’amministratore della Casa di Cura Romolo Hospital, che ha sede in località Cupone, Rocca di Neto, struttura sanitaria privata che opera da oltre vent’anni in regime di accreditamento con il SSR, nel Distretto dell’Asp di Crotone ed eroga prestazioni sanitarie nelle specialità di urologia, di riabilitazione intensiva e di specialistica ambulatoriale nelle discipline di urologia e oculistica.

Dopo l’approvazione da parte della Regione Calabria della nuova “Rete Oncologica Calabrese”, la Romolo Hospital è stata inserita nella stessa rete risultando come il primo nodo regionale nel trattamento del tumore alla prostata riuscendo ad assorbire il 52% del totale regionale degli interventi chirurgici per questo neoplasie.

Polo di eccellenza per l’urologia, svolge primariamente attività sanitaria relativa alle patologie prostatiche e vescicali benigne, alla calcolosi delle vie urinarie, oltre al trattamento dei difetti acquisiti della statica pelvica e dell’incontinenza urinaria maschile e femminile, e alle patologie “meno complesse”, come l’idrocele, il varicocele, la fimosi, il frenulo breve, testicolo mobile, ritenuto ed atrofico.

Inoltre, garantisce il trattamento diagnostico, terapeutico, chirurgico e riabilitativo di tutte le patologie uro-oncologiche riferite al carcinoma prostatico e renale, ai tumori uroteliali delle alte vie escretrici, ai tumori della vescica, del testicolo e del pene.

In ambito ambulatoriale anche l’attività diagnostica complementare relativa ad esami urodinamico, uroflussimetria, uretrocistografia, uretrocistoscopia ed ecografia pelvi-perineale.

La Casa di Cura opera anche nell’oculistica con trattamenti chirurgici, comprendenti interventi di cataratta ed impianto di cristallino, di chirurgia refrattiva, di glaucoma, di distacco di retina, di vitrectomia, di plastica pupillare e iridea, di pterigion, calazio, etropiom, blefarocalasi e blefaroplastica, dacriocistiti.